Rifiutata da tutti, ragazza disabile apre la pasticceria dei suoi sogni

Collette Divitto, 26enne, è sempre stata respinta dalle scuole di pasticceria per la sindrome down di cui è affetta, così fa qualcosa di straordinario.

Collette Divitto è una ragazza americana con tanti sogni nel cassetto, in particolare quello di diventare una pasticciera professionista. Una passione coltivata fin dalla tenera età, ma che poi è stata bruscamente frenata. Collette Divitto è affetta da trisomia 21, ha visto il suo sogno andare in frantumi quando le è stata sbattuta il portone in faccia, perché down. Un ostacolo grande quanto una montagna da superare, dato il motivo così banale e superficiale. Colette ha quindi deciso di fare tutto da sola e aprirsi una pasticceria tutta sua, diventandone titolare.

Sindrome di down e il sogno di una pasticceria

Collette Divitto, sin dall’adolescenza, gli piaceva molto sperimentare in cucina e realizzare dolci per i suoi cari con notevoli risultati. Ogni momento libero del giorno lo dedicava alla preparazione di torte e biscotti, confidando che una volta maggiorenne, potesse lavorare come pasticciera. A 22 anni la ragazza ha così iniziato a cercare un impiego a Boston nel settore della pasticceria artigianale, ma ogni volta si è trovata di fronte a secchi no. Quando le ripetevano in continuazione “Non sei adatta al profilo richiesto”, rivolgendosi alla sua condizione, vista come un ostacolo invalicabile per potere essere assunta. Prosegue alla prossima pagina…

Continua alla prossima pagina

1
2
SHARE